Nessun minimo d'ordine e spedizione gratuita sopra i 50 Euro

Caffè 100% arabica in grani biologico
Prezzo di listino
€8,60
Prezzo scontato
€8,60
Prezzo di listino
Prezzo unitario
per 
1

Momentaneamente esaurito

Momentaneamente esaurito
Caffè 100% arabica in grani biologico
Caffè 100% arabica in grani biologico
  • Carica l'immagine nel visualizzatore di Gallery, Caffè 100% arabica in grani biologico
  • Carica l'immagine nel visualizzatore di Gallery, Caffè 100% arabica in grani biologico

Caffè 100% arabica in grani biologico

500g
Prezzo di listino
€8,60
Prezzo scontato
€8,60
Prezzo di listino
Prezzo unitario
per 
1

Momentaneamente esaurito

Momentaneamente esaurito

Shipping Icon Mancano 50 € per ottenere la spedizione gratuita

Scopri le caratteristiche

La miscela per moka in grani Alce Nero è certificata Fairtrade.

La miscela per moka Fairtrade Alce Nero è realizzata utilizzando solo caffè arabica coltivato tra i 1250 e 1800 metri di altezza, all'ombra di altre piante da frutto o da legna, dagli agricoltori dei nostri soci di Prodecoop in Nicaragua e Coop Norandino in Perù.

I nostri agricoltori fanno parte di Cooperativas Sin Fronteras, organizzazione internazionale che promuove principi di qualità, salubrità e sostenibilità, e che ad oggi coinvolge in America Latina più di 14.000 famiglie di produttori. Alce Nero è tra i soci di Coop. Sin Fronteras, insieme a Cooperativa Norandino in Perù, Prodecoop in Nicaragua che producono il nostro caffè biologico e certificato Fairtrade.

Il caffè, appena tostato, viene confezionato in atmosfera protettiva. Il pacchetto è dotato di valvola salva aroma che custodisce l'identità e la forza del gusto originale. Una miscela equilibrata, leggera e aromatica. Dolce che può ricordare brown sugar, pesca sciroppata o frutta candita. L'arabica del Nicaragua bilancia il palato con la dolcezza e basicità della frutta secca, mentre l'arabica del Perù finisce danco una rotondità alla miscela, buon corpo (ma non eccessivo) e lascia un retrogusto gradevole.

  • Denominazione

    Caffè biologico torrefatto in grani

  • Ingredienti

    Miscela di caffè 100% arabica torrefatto in grani proveniente dall'America Latina°*. *Biologico;°Fairtrade.

  • Modalità di conservazione

    Conservare in luogo fresco ed asciutto. Una volta aperta la confezione versare il prodotto in un contenitore a chiusura ermetica.

  • Luogo di produzione

    Prodotto nello stabilimento di Via Francia 20 Modena - Italia

Etichetta Narrante

Il caffè arabica è originario dell'Etiopia, del Sudan sud-orientale e del Kenya settentrionale e in seguito diffusosi nello Yemen, luogo in cui si ebbero le prime tracce storiche del consumo della bevanda, nel lontano 1450.

Le piante di Arabica, bisognose d’acqua specialmente in fase di piena vegetazione, prosperano in terreni situati tra i 1000 e i 2000 metri di altezza: più in alto cresce la pianta, più migliorano le qualità organolettiche dei chicchi. La pianta è un piccolo albero sempreverde, alto fino a una decina di metri, le cui foglie sono grandi (lunghe 6-12 cm) di color verde scuro. I fiori sono bianchi e profumati, e i frutti tondeggianti, chiamati “ciliegie”. Una volta maturi raggiungono un colore rosso o violaceo e contengono tipicamente i due chicchi di caffè, caratterizzati da un solco ad “S”.

L’arabica è un caffè ricco di aroma, molto profumato, dolce e leggermente acidulo, e ha un contenuto di caffeina inferiore rispetto al altre varietà, come ad esempio il Robusta, che varia da 0,8% a 1,5%

Perù e Nicaragua. Gli agricoltori che coltivano questo caffè fanno parte di Cooperativas Sin Fronteras, organizzazione internazionale che promuove principi di qualità, salubrità e sostenibilità, e che ad oggi coinvolge in America Latina più di 14.000 famiglie di piccoli produttori.

Alce Nero è tra i soci di Coop. Sin Fronteras, insieme a Cooperativa Norandino in Perù e Prodecoop in Nicaragua, che producono questo caffè arabica biologico e certificato Fairtrade.

Il caffè arabica biologico Alce Nero cresce ad altezze variabili tra i 1250 e i 1800 metri, a temperature che variano tra i 20 e 25 gradi. È molto importante nelle piantagioni di caffè mantenere queste temperature e un giusto grado di umidità, per questo le coltivazioni avvengono all’ombra di alte piante da frutto o da legna, per proteggere la piantagione di caffè dal sole.

Queste pratiche agricole tutelano la biodiversità oltre ad offrire protezione dal sole all'agricoltore nelle giornate di raccolta.

La raccolta delle ciliegie mature, distinguibili per il colore rosso intenso, avviene nei periodi secchi e meno piovosi dell’anno. Le ciliegie contengono due chicchi appaiati, avvolti da una membrana protettiva (il pergamino), una dolce mucillaggine che protegge il chicco.

Il caffè arabica Alce Nero viene lavorato attraverso il metodo a umido, che garantisce al caffè qualità e pregio, evitando, nella maggior parte dei casi, il bisogno di interventi successivi di correzione dei difetti.Una volta raccolte, le ciliegie vengono selezionate attraverso un sistema di canalette d'acqua, dove le più mature e pesanti vanno a fondo, mentre quelle secche restano a galla. In seguito passano attraverso la macchina despolpadora, che elimina la buccia rossa.

I chicchi, ancora coperti dal pergamino, vengono lasciati fermentare in grandi vasche per circa 3 giorni, e solo in seguito vengono lavati nuovamente in canaline dove scorre acqua: i chicchi sono così pronti per essere lasciati al sole ad essiccare, mediamente per 4-5 giorni.

È un processo di trasferimento di calore al chicco verde (ovvero il seme del frutto della pianta di caffè a cui è stato applicato un processo di essiccatura). E’ il passaggio fondamentale: attraverso la caramellizzazione degli zuccheri si creano e si attivano le molecole aromatiche che caratterizzeranno il prodotto finito.

La tostatrice viene sottoposta a calore per convezione (flusso d’aria), conduzione (contatto con superficie calda) ed irraggiamento. Il chicco attraversa diverse fasi. Nella prima fase, convenzionalmente chiamata di asciugatura, il chicco accumula calore e cede gran parte dell’umidità iniziando lentamente a virare colore da verde al cannella, fino al giallo. Successivamente il chicco aumenta di dimensione e vira ad una tonalità di marrone. Di estrema importanza è il punto finale di tostatura che verrà gestito dal mastro tostatore in base al tipo di prodotto tostato.

Una tostatura più leggera andrà ad esaltare sentori floreali e fruttati mentre una tostatura più spinta, più scura, andrà a favore di un maggiore corpo, minore acidità e sentori più cioccolatati e di pan tostato. L’ ultimo passaggio è il raffreddamento, dove in un lasso di pochi minuti il caffè viene raffreddato tramite aria e portato sotto ai 35°/40°. Una volta torrefatto il caffè necessita di qualche giorno di maturazione. La tecnologia di confezionamento attraverso valvola unidirezionale permette di proteggere il caffè dall’irrancidimento.

  • Caratteristiche

    Il caffè arabica è originario dell'Etiopia, del Sudan sud-orientale e del Kenya settentrionale e in seguito diffusosi nello Yemen, luogo in cui si ebbero le prime tracce storiche del consumo della bevanda, nel lontano 1450.

    Le piante di Arabica, bisognose d’acqua specialmente in fase di piena vegetazione, prosperano in terreni situati tra i 1000 e i 2000 metri di altezza: più in alto cresce la pianta, più migliorano le qualità organolettiche dei chicchi. La pianta è un piccolo albero sempreverde, alto fino a una decina di metri, le cui foglie sono grandi (lunghe 6-12 cm) di color verde scuro. I fiori sono bianchi e profumati, e i frutti tondeggianti, chiamati “ciliegie”. Una volta maturi raggiungono un colore rosso o violaceo e contengono tipicamente i due chicchi di caffè, caratterizzati da un solco ad “S”.

    L’arabica è un caffè ricco di aroma, molto profumato, dolce e leggermente acidulo, e ha un contenuto di caffeina inferiore rispetto al altre varietà, come ad esempio il Robusta, che varia da 0,8% a 1,5%

  • Territorio

    Perù e Nicaragua. Gli agricoltori che coltivano questo caffè fanno parte di Cooperativas Sin Fronteras, organizzazione internazionale che promuove principi di qualità, salubrità e sostenibilità, e che ad oggi coinvolge in America Latina più di 14.000 famiglie di piccoli produttori.

    Alce Nero è tra i soci di Coop. Sin Fronteras, insieme a Cooperativa Norandino in Perù e Prodecoop in Nicaragua, che producono questo caffè arabica biologico e certificato Fairtrade.

  • Coltivazione

    Il caffè arabica biologico Alce Nero cresce ad altezze variabili tra i 1250 e i 1800 metri, a temperature che variano tra i 20 e 25 gradi. È molto importante nelle piantagioni di caffè mantenere queste temperature e un giusto grado di umidità, per questo le coltivazioni avvengono all’ombra di alte piante da frutto o da legna, per proteggere la piantagione di caffè dal sole.

    Queste pratiche agricole tutelano la biodiversità oltre ad offrire protezione dal sole all'agricoltore nelle giornate di raccolta.

  • Lavorazione

    La raccolta delle ciliegie mature, distinguibili per il colore rosso intenso, avviene nei periodi secchi e meno piovosi dell’anno. Le ciliegie contengono due chicchi appaiati, avvolti da una membrana protettiva (il pergamino), una dolce mucillaggine che protegge il chicco.

    Il caffè arabica Alce Nero viene lavorato attraverso il metodo a umido, che garantisce al caffè qualità e pregio, evitando, nella maggior parte dei casi, il bisogno di interventi successivi di correzione dei difetti.Una volta raccolte, le ciliegie vengono selezionate attraverso un sistema di canalette d'acqua, dove le più mature e pesanti vanno a fondo, mentre quelle secche restano a galla. In seguito passano attraverso la macchina despolpadora, che elimina la buccia rossa.

    I chicchi, ancora coperti dal pergamino, vengono lasciati fermentare in grandi vasche per circa 3 giorni, e solo in seguito vengono lavati nuovamente in canaline dove scorre acqua: i chicchi sono così pronti per essere lasciati al sole ad essiccare, mediamente per 4-5 giorni.

  • Tostatura

    È un processo di trasferimento di calore al chicco verde (ovvero il seme del frutto della pianta di caffè a cui è stato applicato un processo di essiccatura). E’ il passaggio fondamentale: attraverso la caramellizzazione degli zuccheri si creano e si attivano le molecole aromatiche che caratterizzeranno il prodotto finito.

    La tostatrice viene sottoposta a calore per convezione (flusso d’aria), conduzione (contatto con superficie calda) ed irraggiamento. Il chicco attraversa diverse fasi. Nella prima fase, convenzionalmente chiamata di asciugatura, il chicco accumula calore e cede gran parte dell’umidità iniziando lentamente a virare colore da verde al cannella, fino al giallo. Successivamente il chicco aumenta di dimensione e vira ad una tonalità di marrone. Di estrema importanza è il punto finale di tostatura che verrà gestito dal mastro tostatore in base al tipo di prodotto tostato.

    Una tostatura più leggera andrà ad esaltare sentori floreali e fruttati mentre una tostatura più spinta, più scura, andrà a favore di un maggiore corpo, minore acidità e sentori più cioccolatati e di pan tostato. L’ ultimo passaggio è il raffreddamento, dove in un lasso di pochi minuti il caffè viene raffreddato tramite aria e portato sotto ai 35°/40°. Una volta torrefatto il caffè necessita di qualche giorno di maturazione. La tecnologia di confezionamento attraverso valvola unidirezionale permette di proteggere il caffè dall’irrancidimento.

Caffè 100% arabica in grani biologico

Per la tua ricetta

Cooperativas Sin Fronteras

Insieme per un'agricoltura biologica e Fairtrade

translation missing: it.products.product.discover_associate

Per la tua dispensa