Questa pasta è prodotta utilizzando la semola di una storica varietà di grano duro che deve il suo nome all’omonimo senatore abruzzese promotore agli inizi del ‘900 della riforma agraria che portò alla distinzione tra grani duri e teneri.